Al Roots di Catania va in scena lo spettacolo Oscae Personae

Nello spazio artistico teatrale Roots, in via Borrello, 73, a Catania, venerdì 1 e sabato 2 aprile, ore 20,30 andrà in scena lo spettacolo ‘Oscae Personae’ della compagnia campana ‘La mansarda Teatro dell’Orco’. È la seconda rappresentazione della rassegna di teatro contemporaneo “Rigenerazioni”.

Questo progetto teatrale è stato realizzato in collaborazione con il Centro studi della tradizione sulla maschera teatrale in Campania, la regia è a cura di Roberta Sandias e la messa in scena è firmata da Maurizio Azzurro.

Punto di partenza dello spettacolo è il progetto “Maccus in Fabula” che espone in forma di conversazione la summa del percorso svolto intorno ad un’ipotesi di messa in scena della Fabula Atellana. ‘Oscae Personae’ è una vera e propria operazione di rilettura di questa antica forma di teatro, che affonda le sue radici in una piccola città della Campania per poi essere ripresa con la Commedia dell’arte. Dopo uno studio certosino, iniziato nel 2014 sia dal punto di vista letterario che iconografico prende corpo questa rappresentazione teatrale. Quindi la Fabula Atellana viene riproposta in una forma nuova, che non tradisce il suo punto di partenza, ma lo traduce in chiave contemporanea, rendendolo di facile fruizione per il pubblico di oggi.

Come ci spiega la regista, Roberta Sandias “La Fabula Atellana era breve farsa con una trama comica, tipica del territorio campano e, nella maggior parte dei casi le parti erano improvvisate o su canovaccio.  Quattro sono le maschere in scena: Maccus, Pappus, Bucco e Dossenus, e successivamente aggiunta la figura femminile di Frigia. Le meravigliose maschere sono state realizzate dal compianto Maestro Giancarlo Santelli. L’unico rammarico è che non potremo avere altre maschere per altre ipotesi di messa in scena dell’opera”.

Antonella Caldarella e Steve Cable, fondatori de La Casa di Creta Teatro Argentum Potabile, amano mettere in luce come “Lo spazio Roots è un luogo di incontro culturale, dove lo spettatore ha la possibilità di vedere dei progetti teatrali che rispecchiano il nostro tempo. Ospitare questa compagnia per noi è un motivo d’orgoglio perché siamo sicuri che il pubblico catanese apprezzerà questa rappresentazione, frutto di studio, sempre in continua evoluzione.  Inoltre, noi pensiamo che la sinergia ci arricchisce e ci supporta in questo periodo di ripartenza”.

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.