In nove a Trecastagni percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza

I carabinieri della stazione di Trecastagni hanno denunciato 9 persone, di età compresa tra i 29 e i 69 anni, tutte ritenute responsabili di indebita percezione del reddito di cittadinanza. Attraverso le indagini gli inquirenti hanno scoperto che, per ottenere i benefici del reddito di cittadinanza pur non avendone i requisiti, le 9 persone indagate hanno fatto false dichiarazioni. Tra gli indagati anche una coppia di coniugi che gestisce un C.A.F., i due, per ottenere il reddito di cittadinanza, hanno dichiarato una falsa separazione. I due coniugi con l’espediente della separazione avevano realizzato un doppio reddito di cittadinanza ammontante a circa 1.500 euro mensili a carico della collettività che consentiva: a lui di percepire la somma per il pagamento dell’affitto dell’abitazione familiare mentre a lei, invece, che aveva dichiarato di vivere nell’immobile ove entrambi svolgono la loro attività di consulenza fiscale, di pagare le spese di gestione dello stesso.

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.