La Sicilia in zona gialla

La Sicilia passa in zona gialla. Lo spostamento tra comuni è libero, non è più necessaria l’autocertificazione. Pertanto si riducono le misure restrittive per fronteggiare il Covid-19 nell’isola. Quindi nel dettaglio: riaprono, bar, ristoranti e pasticcerie. Tuttavia dalle 18.00 resta vietata la consumazione sul posto. Dalle 18.00 alle 22.00 è possibile solo l’asporto e il domicilio. Rimangono chiusi i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi. Così come rimangono chiusi: cinema, teatri e musei. I mezzi di trasporto pubblici possono viaggiare con capienza ridotta (pari al 50% dei posti disponibili). Prosegue la didattica a distanza dal primo anno di scuola superiore. Restano sospese le attività di palestre e piscine, mentre è possibile l’attività nei centri sportivi. Ovviamente rimane in vigore il coprifuoco notturno dalle 22.00 alle 05.00. Questa nuova disposizione, del Ministro della salute Speranza, sarà in vigore a partire dal 29 novembre. Sulle nuove regole ha detto la sua anche il Presidente della regione Sicilia Nello Musumeci: ‹‹Prendiamo atto con soddisfazione il passaggio della Sicilia in zona gialla. Tuttavia, la prudenza deve restare alta. Questo non è un liberi tutti!››.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.